Polvere

0
10

Equidistanti ma coesi questi due artisti italiani, Xabier Iriondo e Mattia Coletti, rilasciano l’ennesimo lavoro del progetto Polvere. Sono take sparse dal 2008 ad oggi, registrate tra Ancona e Milano, quasi sempre su sedute singole nei rispettivi studi. Il timore di scontati escapismi nelle strutture viene scongiurato dalla godibilita’ armonica del lotto. Per carita’, la paura rimane, specie se non si e’ preparati, sul prologo di Fire At The Beach, con il rischio di illudersi di essere piombati in un cannibal movie, o sull’ l’intro di From India To The Scala Theatre dove il matrimonio tra raga e minimal industrial e’ cosi’ fragoroso da lasciare il segno sulle orecchie. Il duo in 10 anni si e’ fatto amare e nello stesso tempo odiare, ma c’e’ sempre qualcosa di attraente in chi riesce a suscitare sentimenti contrastanti.

Siamo al quarto lavoro ufficiale e a firmare la produzione questa volta e’ una cordata tra la Fabriziotestaproduzioni (succursale Tarzan) e la Old bycicle Records, tutto in formato mc. L’incipit di Ice, Strings And Skine e lo strumentale che non tocca il minuto destabilizzano lievemente, perche’ e’ poi Bubbles a mettere a proprio agio l’udito giocando su microvariazioni e sinusoidi. Bleeps elettrici coinvolgono il fingerpicking perpendicolare e onirico di Iriondo, che in Dust Folk Song si perde in sottotesti tra tuareg e desert. L’orrorifico finale di Little Girl In Chains, la cinematica posizionata al contrario e il minimalismo raga rispettivamente di Turkish Prisoners Chant e Polvere’s Farewell che assorbe post rock, narrativo e field recordings in un unico piano sequenza, sono solo robusti esempi di come si possa rimanere spiazzati dalle suites. Una certezza invece il gioco acquatico di Clergyman And The Water. Qui l’assurdo dei vocalizzi svela la mano di Fabrizio Testa, ombra che di riffa e di raffa emerge un po’ ovunque.

Iriondo e Coletti sono due esploratori del suono che mediano fra classicita’ e concretismo, abissi artificiali e rumorismo preparato. Sicuramente un progetto interessante che, pur correndo il rischio del confino tipico dell’addetto al mestiere, riconferma l’acume di due intense personalita’ della sperimentazione italiana.





 


Musicisti


Xabier Iriondo


Mattia Coletti



 


Brani


01. Ice, strings and skin


02. —


03. Bubbles


04. But in a cave…


05. From India to the scala theatre


06. Little girl in chains


07. The clargyman and the water


08. Fire at the beach


09. The dust folk song


10. The polvere’s farewell


11. The turkish prisoners chant



 


Links


FabrizioTestaProduzioni (succursale Tarzan): tarzanrecords.com ;  oldbicyclerecords.blogspot.it


Xabier Iriondo:  www.xabieririondo.com


Video: www.youtube.com/watch?v=pRmSNY7cMCM

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here