THE COTTON CLUB: un pieno di swing con Emanuele Urso

0
3

The King Of Swing Emanuele Urso, personaggio eccentrico e musicista di indubbia preparazione, fa ballare il Cotton Club di Roma con un’animata performance accompagnato dalla sua orchestra swing (Giovanni Marrocco alla tromba, Walter Fantozzi al trombone, Attilio Marzoli al sax tenore, Adriano Urso al pianoforte, Alessio Urso al contrabbasso, Francesco Bonofiglio alla batteria); il combo non offre solo una rivisitazione delle piu’ note composizioni swing degli anni ’30, ma anche uno spettacolo vivace ed imprevedibile dove l'”animale da palco” Emanuele Urso si scatena pur non perdendo mai una certa innata eleganza, alternandosi tra l’esecuzione al clarinetto e alla batteria e intrattenendo il pubblico anche in veste di giocoliere con le bacchette.



 


Il fraseggio leggero e volatile di Emanuele Urso al clarinetto accompagnato dal tocco morbido di Adriano Urso al piano, si poggia su una robusta sezione fiati in cui predomina il timbro cupo, slabbrato e sporco del trombone (che appare persino canzonatorio) e che procede a ritmo spedito e trainante, ottenendo un impasto sonoro dirompente.


Il leader dosa abilmente potenza e velocita’, osando maggiormente sugli acuti, creando un bel vibrato sulle finali. Gorgheggia in “I want to be happy”, adagiandosi sulla solida struttura di riff creata dai fiati. “Estrellita” lascia posto ad atmosfere piu’ languide, enfatizzate dai cori soffici di tromba e sax tenore. Si passa per il cavallo di battaglia “After you’ve gone”, fino ad arrivare al frastuono di “Original Dixieland Onestep”. In “I’m coming Virginia” il solista e’ Giovanni Marrocco col suono diretto e privo di sfumature della sua tromba.



 


L’energia resta intatta fino alla fine e il sestetto offre un’esecuzione di forte impatto sull’ascoltatore, proseguendo col boogie woogie “Roll ‘Em” e con “Tom tom soul”, brano dedicato al timpano qui suonato da Emanuele Urso e che evoca atmosfere da giungla. Un ultimo momento di romanticismo ce lo regala “Body and soul” che vede protagonista Attilio Marzoli al sax suonato con rigore e pulizia mentre in un medley dedicato a Gershwin sentiamo Adriano Urso a proprio agio sui  tempi medium ed apprezziamo un ottimo assolo del contrabbassista Alessio Urso col suo rapido walking bass.


 


 


Roma, The Cotton Club
25 settembre 2010


EMANUELE URSO AND HIS SWING ORCHESTRA


Emanuele URSO clarinetto/batteria/direzione
Giovanni MARROCCO tromba
Walter FANTOZZI trombone
Attilio MARZOLI sax tenore
Adriano URSO pianoforte
Alessio URSO contrabbasso
Francesco BONOFIGLIO batteria

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here