L’ORTOVOLANTE della musica e del teatro – Napoli, 11,18,25 maggio 2012

0
3

Citta’ Mediterranee
con il patrocinio di Regione Campania, Comune di Napoli, e Provincia di Napoli
presenta



O R T O V O L A N T E
Seconda rassegna di musica e teatro


al Real Orto Botanico di Napoli


Venerdi’ 11, 18 e 25 maggio 2012, ore 21



 


I valzer di Guillermo De La Roca, gli echi dei Balcani e delle coste d’Africa, le canzoni d’amore, di passione e devozione. Le tammurriate e le pizziche, le villanelle e gli standard, i racconti di ieri e di oggi, i ritmi del Mediterraneo e delle musiche popolari s’incontrano con la preziosa tradizione napoletana in un’oasi di pace, benessere e cultura. Totalmente immersa nel verde.


Per tre venerdi’ di maggio, il Real Orto Botanico di Napoli apre le sue porte all’arte dell’incanto accogliendo, tra le oltre 9000 specie vegetali che custodisce, la seconda edizione della rassegna di teatro e musica Ortovolante. Ideata da Vincenzo Di Maio e organizzata da Citta’ Mediterranee con il patrocinio della Regione Campania, del Comune di Napoli e della Provincia di Napoli, la rassegna presenta al Castello dell’Orto Botanico – edificio realizzato tra il XVI e il XVII secolo, oggi sede del museo di paleobotanica ed etnobotanica – tre spettacoli/concerto.


Si inizia venerdi’ 11 maggio alle 21 con i PietrArsa di Mimmo Maglionico in “Napoli World Style”, progetto che rielabora la musica popolare campana attraverso generi contemporanei, nel solco della world music piu’ radicale e ricercata. Si prosegue il 18 con Fiorenza Calogero in “Donna Maronna”, un concerto acustico che evoca la spiritualita’ femminile attraverso composizioni di De Simone, Avitabile, Bennato, Viviani, De Andre’, Faiello e brani tradizionali. In chiusura, il 25 maggio, Franco Castiglia e Alessandra D’Ambrosio portano in scena “Di…Versi in Amore” con Mariano Bellopede al pianoforte, per la regia di Gennaro Monti. Un recital che affronta il tema dell’amore da diverse angolazioni e con molteplici sfumature.



 


Info e prenotazioni:
tel. 081 751 0025 – 339 1651 761
www.cittamediterranee.itcittamediterranee@libero.it
Biglietti: 12€ intero – 10€ ridotto



 


Venerdi’ 11 maggio, ore 21
PietrArsa e Mimmo Maglionico
in NAPOLI WORLD STYLE


Un nuovo suono napoletano figlio dell’era globale, dove cio’ che ci e’ vicino si fonde con cio’ che ci arriva da lontano e dove antico e moderno si intrecciano in un unico sound. I ritmi della tradizione e le sonorita’ del mediterraneo s’incontrano con il pop, il rock e la new age. Queste le coordinate che tracciano la cifra stilistica di “Napoli World Style”, ultimo lavoro discografico pubblicato dai PietrArsa di Mimmo Maglionico, per Alfamusic. Reduci da un lungo tour che ha toccato oltre all’Italia anche Francia, Spagna, Croazia, Grecia, Pakistan e Russia, il gruppo diretto da Mimmo Maglionico riparte con un nuovo spettacolo completamente da ballare, di matrice marcatamente world, ma rigorosamente acustico. Dove alla batteria si accosta la forza delle tammorre, al basso elettrico le mille sfumatura di chitarra battente, oud e buzuki e alle tre voci degli interpreti, le sonorita’ di flauti, ciaramelle, clarone, e quena. PietrArsa propone una visione parallela tra le forme musicali arcaiche della Campania e del sud Italia, e quelle che – prodotte negli stessi luoghi – accolgono tratti di evidente modernita’. Il progetto musicale presenta infatti tradizionali tammurriate, tarantelle, pizziche e ‘fronne’, incrociate e contrapposte  a brani di nuova composizione. Una ricerca che parte da Orlando Di Lasso, prosegue per Raffaele Viviani, deviando verso Renato Carosone per approdare alle tipiche sonorita’ del Meridione e del Mediterraneo.


Mimmo Maglionico fiati e voce; Carmine D’Aniello voce e tammorre; Francesco Migliaccio fisarmonica; Cristiano Califano chitarra e bouzouki; Arcangelo Nocerino batteria e percussioni; Antonio Rubino basso; Sara Tramma voce; Domenico Monda percussioni.



 


Venerdi’ 18 maggio, ore 21
Fiorenza Calogero
in DONNA MARONNA


Un progetto interamente acustico di Fiorenza Calogero che svela quelle musiche provenienti dalla tradizione orale e da opere di autori contemporanei, che ricercano le tracce originarie della  spiritualita’ femminile. Un percorso immaginario di una donna del popolo di nome Maronna: una Madonna che vive il passato e il futuro di una donna di tutti i giorni. Prendendo spunto dai canti devozionali, la Calogero ripercorre alcuni motivi popolari e nuovi testi cantautoriali, attualizzandoli nei contesti sociali odierni. Il tema della donna, madre e Madonna e’ importantissimo e al tempo stesso molto profondo e coinvolgente. Un viaggio nei suoni di ieri e di oggi, nei dialetti con le parole, la fede, la magia e la preghiera universale. Il suono della voce intona le grandi melodie, come una sorta di omaggio alle Dee Madri del mediterraneo. Canzoni-preghiere consumate nel cemento come esperienza spirituale e musicale. Una personale volonta’ di portare a tutti un messaggio di riflessione, fede, speranza e coscienza. Un raggio di luce, scia luminosa di quel faro della storia che ha come nome Maria.


Fiorenza Calogero voce; Marcello Vitale chitarra battente e classica; Roberto Trenca tiple e chitarra classica; Raffaele Tiseo violino e violoncello da spalla; Emidio Ausiello tamburi a cornice.



 


Venerdi’ 25 maggio, ore 21
Franco Castiglia e Alessandra D’Ambrosio
in DI…VERSI IN AMORE


Dalla sconfinata tradizione napoletana dal ‘500 al ‘900, Franco Castiglia e Alessandra D’Ambrosio presentano un’opera che porta lo spettatore a confrontarsi con l’immortale tema dell’amore, percepito da angolazioni profondamente diverse: la passione, il mistero, la poesia, il dolore, l’ironia. Un concerto poetico di voci e musiche visto attraverso gli occhi di chi vive in funzione dell’amore, di chi si lascia morire per la sua perdita o perde la ragione per la mancanza dello stesso. Non manca la componente ironica, tipica della cultura partenopea, che per secoli ha rappresentato il napoletano come colui che, ironizzando sulle proprie sventure, riesce talvolta a trarne beneficio. Un percorso che prende forma attraverso le voci di Porta, Viviani, Eduardo, Moscato, Santanelli, Di Giacomo, D’Annunzio, E.A. Mario, Russo, Cotreau, Villani, Pisano e le musiche di Tosti, De Leva, Lama, Costa, Cioffi, Sinagra e Vessicchio. Un intreccio di avvenimenti che porta lo spettatore a percorrere le strade della propria cultura, della propria storia e che risveglia la voglia di conoscere e di riconoscere quella contraddittoria ‘napoletaneita” dolce e appassionata, quanto stridente e dolorosa.


Franco Castiglia voce; Alessandra D’Ambrosio voce; Mariano Bellopede pianoforte.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here